Accedi

Interventi terapeutici precoci: La chiave per uno sviluppo ottimale dei bambini

I genitori sono spesso sorpresi di non essere informati sulla necessità di interventi terapeutici precoci. Questo articolo sottolinea l'importanza di una riabilitazione tempestiva per i disturbi dello sviluppo, illustrata dalle storie di Mia e Terezka. Gli esperti del Centro medico ADELI di Piešťany sottolineano il ruolo critico dei primi 1000 giorni di vita di un bambino e invitano i genitori a non perdere tempo per garantire le migliori possibilità per il futuro dei loro figli.

I genitori sono spesso sorpresi dal fatto che gli studi medici non li informino della necessità di un intervento terapeutico precoce.

Non tutti i disturbi dello sviluppo si manifestano durante la gravidanza; molti si manifestano ai genitori solo più tardi. Anche nei bambini a rischio, dove i ritardi nello sviluppo sono prevedibili, l'intervento precoce non è scontato. I genitori sono spesso delusi per aver perso del tempo che il loro bambino avrebbe potuto utilizzare per lo sviluppo.

Miuška è nata con un peso alla nascita di 1800 g. Il 5° giorno nell'incubatrice le è stata diagnosticata una setticemia: avvelenamento del sangue. La bambina è stata assistita in una clinica specializzata, ma è sorto un altro problema: un coagulo di sangue sulla retina. Il dramma è continuato: nei mesi successivi la bambina non ha fatto alcun progresso. Vorremmo sottolineare che la madre non si è lasciata ingannare dai commenti rassicuranti dei medici, secondo i quali "la bambina era intelligente". Con il suo occhio esperto, ha notato che la sua bambina non si muoveva come i fratelli maggiori della sua età. A partire dal 7° mese hanno iniziato una riabilitazione intensiva.

A Terezka è stata diagnosticata la sindrome di Down nel settembre 2021. "È stato uno shock. Solo molto più tardi ci siamo resi conto che non poteva muoversi. Questo ci ha sorpreso, perché nessuno ci aveva avvertito che un bambino con la sindrome di Down non avrebbe potuto imparare a camminare o a parlare", ricorda la madre. Dal punto di vista del bambino, è eccellente se l'intervento terapeutico precoce non viene ritardato. Il cervello del bambino è come una spugna nel primo anno di vita, quindi è necessario prendere provvedimenti.

Il primo anno è il più delicato nello sviluppo di un bambino.

Nel primo anno di vita di una persona, il cervello è teatro di processi turbolenti:

Le basi della rete neuronale, le sinapsi, le connessioni tra le cellule nervose si formano nel cervello del bambino nei primi anni di vita. Avviene anche la mielinizzazione. La mielina è uno strato isolante che circonda le fibre nervose e aumenta la velocità di trasmissione dei segnali tra i neuroni, cioè delle informazioni nel cervello. Il processo di mielinizzazione accelera nel primo anno di vita del bambino e rallenta in seguito. Nel primo anno, la neuroplasticità del cervello fa sì che questo importante organo si adatti rapidamente e si sviluppi in risposta agli stimoli esterni e alle interazioni con l'ambiente. Attraverso gli stimoli del primo anno, il bambino impara a percepire e riconoscere suoni, forme, colori e volti, favorendo lo sviluppo delle aree cerebrali correlate. Se il bambino rimane sdraiato e non assume la posizione eretta, non si sviluppa attraverso gli stimoli provenienti dall'ambiente, il che comporta un ritardo nello sviluppo del cervello e del sistema nervoso centrale. Nel primo anno di vita sono fondamentali le tappe fondamentali dello sviluppo motorio, come sollevare la testa, gattonare, stare a quattro zampe, sedersi, stare in piedi e poi camminare. Se lo sviluppo motorio ristagna, al bambino mancano gli stimoli necessari per lo sviluppo di ulteriori tappe motorie e della coordinazione.

Come e perché un bambino sviluppa un rischio di sviluppo?

I metodi di parto utilizzati in caso di parto d'urgenza o per proteggere la vita della madre sono salvavita, ma come per ogni parto acuto, c'è il rischio che il cervello venga privato dell'ossigeno. Questo è un appello ai genitori a non aspettare che l'immaturità del sistema nervoso diventi evidente. I deficit dello sviluppo devono essere evitati il prima possibile. Il bambino deve essere riabilitato senza indugio. È fondamentale riconoscere il prima possibile qualsiasi deviazione nello sviluppo. E consultare il prima possibile gli specialisti.

https://adelicenter.com/sk/medic%C3%8Dnska-ponuka/programy/babymed/

Qual è il motivo della maggiore attenzione?

Sviluppo ad alto rischio del bambino durante la gravidanza, dopo un parto prematuro o complicato.
Sospetto o conferma di una sindrome genetica.
Conseguenze della privazione di ossigeno prima, durante o dopo la nascita, soffocamento o encefalite.

I primi 1000 giorni sono fondamentali

ADELI Medical Center A Piešťany, da 20 anni, professionisti di alto livello provenienti dalla Slovacchia e dall'estero aiutano non solo nella diagnosi, ma anche in una corretta ed efficace riabilitazione. Famiglie europee e straniere visitano i centri di riabilitazione. Il motivo è la capacità unica degli esperti ADELI di riconoscere le deviazioni dello sviluppo e, sulla base di 20 anni di esperienza, di proporre obiettivi riabilitativi realistici che portano risultati.

Il professor Heinrich Binder, consulente medico di ADELI, invita a prestare maggiore attenzione allo sviluppo del bambino: "Se un bambino mostra sintomi insoliti nel primo anno di vita, come riflessi primitivi non sviluppati o tono muscolare alto o basso, postura asimmetrica e preferenza per un lato, ciò indica un'immaturità del sistema nervoso centrale. È quindi necessario fare tutto il possibile per determinare se il bambino sta effettivamente sviluppando una paralisi cerebrale".

Gli esperti invitano i genitori a monitorare i propri figli e a trovare interventi terapeutici senza esitazioni. "Senza fisioterapia non funziona proprio nulla. È necessario un terapeuta competente. Il fattore decisivo è il tempo e lo stadio di sviluppo del cervello, che si sviluppa nei primi 1000 giorni di vita", continua il Prof. Binder. "Nei primi due anni si sviluppano la deambulazione, le capacità motorie e la normale sequenza di movimenti umani. Questo processo deve essere incoraggiato, perché se non si fa nulla, si può sviluppare un modello di andatura patologica che è molto difficile da invertire".

Non esitate, ma agite

Il programma di riabilitazione precoce ADELI BabyMed

https://adelicenter.com/sk/medic%C3%8Dnska-ponuka/programy/babymed/

è rivolto ai bambini da un mese a tre anni di età. Medici e fisioterapisti lavorano insieme per sviluppare le capacità motorie e cognitive del bambino, l'indipendenza nei movimenti spaziali, la comunicazione e l'alimentazione.

Se avete dei dubbi sullo sviluppo del vostro bambino, cliccate su www.babymed.sk e fissate un appuntamento che può avere un impatto positivo sulla vita vostra e della vostra famiglia.

E come si stanno sviluppando Mia e Terezka all'inizio del nostro articolo?

Il programma BabyMed di ADELI è un programma di intervento terapeutico precoce di due settimane, intensivo e relativamente faticoso. Grazie a questo programma, le capacità motorie e mentali del bambino accelerano. "Dopo la riabilitazione ad ADELI, siamo tornati a casa e Mia era completamente cambiata. Ha iniziato a emettere suoni, a girarsi e a provare spontaneamente a gattonare". - La mamma della bambina di Orava è entusiasta dei progressi che hanno portato Mia a camminare.

Anche i genitori di Terezka vedono gli effetti del programma di riabilitazione intensiva BabyMed di ADELI: "Per noi è successo qualcosa di incredibile. Grazie alle tecniche di coordinamento dei terapisti, la nostra Terezka è riuscita ad alzarsi". - mamma Marika ricorda il momento chiave: "E sono quasi caduta dalla felicità". Aggiunge solo che questo impulso ha dato a Terezka il coraggio di fare il primo passo e la bambina ha iniziato a camminare gradualmente. Oggi Terezka ha 3 anni e quando sente le sue canzoni preferite salta, alza le braccia, applaude e balla. Corre dietro al fratello maggiore Jurko senza alcun aiuto. Ama giocare nel parco giochi e ripetere i movimenti degli altri, è vivace e agile.

"E questo per noi è un vero miracolo. Un miracolo che è stato messo in moto e di fatto realizzato con ADELI", dice la mamma Marika. "È estremamente importante rivolgersi agli specialisti il prima possibile e non aspettare che il bambino sia ritardato e recuperi un giorno. Lo dico a tutti i genitori che hanno anche il minimo dubbio sullo sviluppo del proprio figlio".

Potete sostenere entrambi i lottatori qui:

https://www.nadaciaadeli.sk/pribehy/pomoc-potrebuju/vankova-terezia

https://www.nadaciaadeli.sk/pribehy/pomoc-potrebuju/mia-kozakova

Nataša Haringová, fisioterapista del reparto BabyMed, ha un'opinione sull'intervento terapeutico precoce basata sull'esperienza: "Ad Adeli abbiamo una visione diversa dell'attesa. La nostra ideologia è quella di non perdere nemmeno un minuto e di iniziare la terapia fin dalla più tenera età. Il primo anno di vita è un periodo fondamentale per il bambino, da cui dipende l'intero sviluppo futuro. Quanto prima il bambino inizia un intervento terapeutico precoce, tanto migliori sono le prospettive per il futuro. Il cervello del bambino e la sua neuroplasticità si trovano nel

I primi mesi sono come una "spugna" e subiscono una crescita esponenziale. Impara più velocemente e più facilmente che mai, quindi questo periodo deve essere sfruttato e bisogna esercitarsi con la massima intensità".

Il programma di riabilitazione può essere estenuante per un bambino di pochi mesi, poiché comporta 3-4 ore di terapia al giorno, 5 giorni alla settimana. "Adattiamo il programma in modo sensibile, in modo che il bambino abbia abbastanza tempo per riposare, mangiare o giocare", dice la terapista Nataša Harringová a proposito del programma di riabilitazione di ADELI. - dice la terapista Nataša Harringová a proposito del programma di riabilitazione di ADELI. "Attraverso la riabilitazione cerchiamo di massimizzare la funzionalità del sistema nervoso centrale del bambino, di migliorare le sue capacità motorie e di normalizzare il tono muscolare. Riusciamo a migliorare l'equilibrio statico-dinamico e la coordinazione dei bambini e sappiamo che questo aumenta le loro possibilità di sviluppo, migliori condizioni di apprendimento e una vita indipendente."

Potete leggere l'intero articolo qui: https://svetevity.sk/magazin/pr-clanky/96158170-terezke-hrozilo-ze-nebude-chodit-ani-rozpravat-co-zmenilo-jej-osud

Questo potrebbe interessarti anche

ADELI nuovo di zecca - Ora ancora più centrato sul paziente e innovativo!

Il sito ADELI Medical Center è stato sottoposto a un'entusiasmante operazione di rebranding per essere ancora più innovativo e incentrato sul paziente. Con un nuovo logo e un sito web rinnovato, il rebranding segna il punto di partenza per il futuro della neuroriabilitazione.

ADELI Baby Zone: consigli per lo sviluppo della prima infanzia il 6 giugno a Bratislava

ADELI Medical Center Il 6 giugno 2024 a Bratislava, offre consulenza e supporto per lo sviluppo della prima infanzia e raccoglie fondi per fornire terapie intensive a genitori finanziariamente svantaggiati.
I nostri programmi

Offriamo un programma olistico per tutte le età.

I nostri programmi terapeutici sono adattati individualmente alle esigenze dei nostri pazienti.

Dare un feedback

Non sei connesso, fai clic qui per accedere.


Il modulo inviato verrà salvato solo per uso interno e per l'ottimizzazione. Il modulo verrà cancellato 2 mesi dopo l'invio.